“Il lavoro nobilita l’uomo”, “...se questo è un uomo”. Un progetto di intervento per i professionisti delle relazioni d’aiuto

Noemi Venturella

Abstract


L’articolo presenta un progetto di intervento rivolto ai professionisti delle relazioni d’aiuto in relazione alla prevenzione e al trattamento del rischio stress lavoro- correlato. Macro-obiettivo del progetto-intervento è stato quello di ristabilire un'adeguata capacità di pensiero inter-soggettivo entro specifici contesti lavorativi “ad alta densità di stress”; ciò col fine di tornare a prendersi autenticamente cura di se stessi e degli Altri, contemporaneamente e non in alternativa. Il focus dell'intervento, portato avanti attraverso il dispositivo gruppoanalitico del gruppo di supporto e di elaborazione, ha riguardato i temi culturali che gravitano attorno all'odierno lavorare: il contesto sociale di riferimento, l'identità professionale, i ruoli lavorativi, la relazione con le organizzazioni di appartenenza, il transpersonale istituzionale e le risonanze interne attivate da tutti questi livelli. Si tratta di dinamiche complessuali che, entro lo spazio protetto del gruppo, è stato possibile maneggiare grazie all'intreccio dei racconti e dei reciproci rispecchiamenti tra i partecipanti; infatti, fattori gruppali quali universalità, coesione e solidarietà hanno consentito di elicitare elementi di rischio e di resilienza su cui poi è stato incentrato il percorso, sollecitando la funzione riflessiva dei membri del gruppo su un mal-essere lavorativo che ha spesso una origine sociale. Tale processo ha infine permesso di restituire diritto di cittadinanza al pensiero soggettivo dei partecipanti sul proprio lavorare.


Keyword


Stress lavoro-correlato; Mentalizzazione; Gruppo di elaborazione; Ethos capitalista

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2018 Noemi Venturella

 

 

Creative Commons License

Se non diversamente indicato, i contenuti di questa rivista sono pubblicati sotto licenza Creative Commons Attribution 3.0.