Microcredito e sviluppo locale di Comunità

Raffaele Barone, Simone Bruschetta, Sheila Scerba

Abstract


Il presente contributo discute un progetto di sviluppo locale fondato sui principi del microcredito. Viene proposto un modello di gruppo clinico-sociale, inteso come dispositivo di sostegno psico-socio-economico, che permetta uno scambio virtuoso e mutuamente arricchente tra “beni posizionali” e “beni relazionali”.

Keywords: Microcredito; Gruppo clinico-sociale; Bene relazionale


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Barone R., Bruschetta S. (2008a), Verso una psicoterapia di comunità per il nuovo disagio mentale, in Plexus, N. 1, pp.

Barone R., Bruschetta S., Cannella S., Scerba S., Sinatra F. (2008), Il Laboratorio di Gruppoanalisi e l’Agenzia di Sviluppo Integrato del comprensorio Calatino Sud Simeto. www.laboratoriogruppoanalisi.com/articoli/articolo%20progender.pdf

Barone R., Licari G., Barrano S., Saperi M., Dondoni M. (2006) Sviluppo locale partecipato e sostenibile, Padova, Cleup.

Brunori L. (2003), Relational Goods in Society, Mind and Brain: Between Neurons and Happiness, in Group Analysis , Vol.16 n.4.

Commissione Europea (2008), Financial Services Provision and Prevention of Financial Exclusion, Direzione generale Occupazione, affari sociali e pari opportunità.

Bruni L., Zamagni S. (2004), Economia Civile, Bologna, Il Mulino.

Morin E. (1982), Science avec conscience, Paris, Fayard. Trd. it. (1984). Scienza con coscienza, Milano, FrancoAngeli.

Parlamento Italiano, Legge n. 328. (2000), Legge quadro per larealizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali.

Sen A. (1999), Development as Freedom. Oxford, Oxford University Press. Trad. it. (2000), Lo sviluppo è libertà. Milano Mondadori.

Yunus M. (1997), Vers un monde sans pauvreté. Éditions Jean-Claude Lattès. Trad. it. (1998), Il banchiere dei poveri. Milano, Feltrinelli


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Raffaele Barone, Simone Bruschetta, Sheila Scerba

 

 

Creative Commons License

Se non diversamente indicato, i contenuti di questa rivista sono pubblicati sotto licenza Creative Commons Attribution 3.0.