Gruppo omogeneo, ricerca, istituzione

Francesca Natascia Vasta, Raffaella Girelli

Abstract


Il lavoro delinea le complesse relazioni tra ricerca empirica, programmi terapeutici e Istituzione ospitante. Viene considerato lo stato attuale della ricerca in Italia dove emerge quale dato critico l'assenza di risultati rispetto ai processi terapeutici e all'effectiviness del trattamento gruppale per il disturbo alimentare. Lo scenario oggetto d'indagine è il gruppo omogeneo per pazienti con disturbi alimentari condotto in un servizio sanitario pubblico dedicato. Dopo aver enucleato alcuni principi metologici alla base della ricerca tra cui la stretta connessione fra la teoria di riferimento per il fenomeno indagato e gli strumenti utilizzati vengono descritti questi ultimi e riferiti I risulati emersi. In conclusione allo stato attuale dei risultati, sembrano delinearsi alcune ipotesi più specifiche da sottoporre a validazione: verifica della correlazione fra i miglioramenti conseguiti (diminuzione del senso di esclusione e delle emozioni dolorose) e specifici processi gruppali attraversati nel corso della terapia; verifica della correlazione fra comparsa di vissuti depressivi e leggera ripresa sintomatologica e attraversamento della fase gruppale di transito verso un campo più differenziato rispetto a quello monosintomatico.

Keywords: Gruppo omogeneo; Disturbi del comportamento alimentare; Campo istituzionale; Outcome terapeutico 


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


American Psychiatric Association (2000). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM IVR), a cura di: Andreoli V., Cassano G.B., Rossi R.. Masson, Milano, 1996.

Armezzani M. (2004). Strumenti psicodiagnostici nei disturbi del comportamento alimentare. In Nizzoli U., Pissacroia M. (a cura di) Trattato completo degli abusi e delle dipendenze. Piccin, Padova.

Bruch H. (1973). Patologia del comportamento alimentare: obesità, anoressia mentale e personalità. Feltrinelli, Milano, 1995.

Bruch H. (1978). La gabbia d’oro. L’enigma dell’anoressia mentale. Feltrinelli, Milano, 2003.

Corbella S. (2004). Il gruppo omogeneo: la modulazione del noi. In Corbella S., Girelli R., Marinelli S. (a cura di) Gruppi omogenei. Borla, Roma.

Corbella S., Girelli R., Marinelli S. (a cura di) (2004). Gruppi omogenei. Borla, Roma.

Crisi A. (2003). Nuovi indici diagnostici nel test di Wartegg. Babele, 24, pp. 59-61.

Crisi A. (20072). Manuale del test di Wartegg. Edizioni Magi, Roma.

Crisi A., Pastore L. (2006). La valutazione psicodiagnostica: uno studio pilota condotto con il test di Wartegg. In Pastore L. (a cura di) Il fenomeno del mobbing. Aspetti psicologici e strumenti di ricerca intervento. Franco Angeli, Milano.

Curi Novelli M. (a cura di) (2004). Dal vuoto al pensiero. L’anoressia

dal vertice psicoanalitico. Franco Angeli, Milano.

Curi Novelli M. (a cura di) (2010). Lavorare con il gruppo specializzato. Teoria e clinica. Franco Angeli, Milano.

Fassone G. (2004). Overview. Stato dell’arte della psicoterapia di gruppo cognitivo-comportamentale nel trattamento dei principali disturbi psichiatrici. Cognitivismo Clinico, 1, 2.

Gibin A.M. (a cura di) (2009). I gruppi nei disturbi alimentari. Terapie, formazione, ricerca. Franco Angeli, Milano.

Jeammet P. (2004). Anoressia bulimia. I paradossi dell'adolescenza interpretati da un grande psichiatra francese. Franco Angeli, Milano, 2006.

Lo Coco G., Lo Verso G. (2006). La cura relazionale: disturbo psichico e guarigione nelle terapie di gruppo. Raffaello Cortina, Milano.

Lo Coco G., Prestano C., Lo Verso G. (a cura di) (2008). L’efficacia clinica delle psicoterapie di gruppo, Raffaello Cortina, Milano.

Marinelli S. (2004). Funzioni dell’omogeneità nel gruppo. In Corbella S., Girelli R., Marinelli S. (a cura di) Gruppi omogenei. Borla, Roma.

Marinelli S. (2004a). Il gruppo e l’anoressia. Raffaello Cortina, Milano.

Marinelli S. (2008). Omogeneità ed evoluzione della protomente. In Marinelli S. (a cura di) Studi ed esperienze a partire da Bion. Borla, Roma.

Marinelli S. (2008a). Contributi della psicoanalisi allo studio del gruppo. Borla, Roma.

Migone P. (2005). Sono veramente efficaci le psicoterapie evidence based? Il ruolo terapeutico, 98, pp. 103-114.

Neri C. (2008). El sueño de la pequeña mujer perfecta. Clínica y análisis. grupal, 30, 2, pp. 49-66.

Parsons T. (1951). Il sistema sociale. Edizioni di Comunità, Milano.

Pontalti C. (2009). La vita, i setting, la psicopatologia: sfide sui confini della clinica tra epistemologie vincoli e trasformazioni. Plexus,2, www.rivistaplexus.it.

Procacci P. et al. (2002). Il questionario sul senso di appartenenza e di condivisione (SAC): costruzione e validazione dello strumento. Ricerca in Psicoterapia, 5, 3, pp.123- 140.

Raffagnino R., Reda M.A. (2004). Metodologia della ricerca applicata nei disturbi del comportamento alimentare. In Nizzoli U., Pissacroia M. ( a cura di ) Trattato completo degli abusi e delle dipendenze. Piccin, Padova.

Vasta F.N. (2005). Sul trattamento dei disturbi dell’alimentazione nel setting di gruppo. Nuove prospettive in psicologia, 2, 34, pp. 73-82.

Vasta F.N., Caputo O. (a cura di) (2004). Gruppi con pazienti anoressici: fattori terapeutici. Funzione Gamma Journal, 14, www.funzionegamma.edu.

Vasta F.N., Scoppetta M. (2010). Gruppo omogeneo, tempo limitato e disturbi alimentari. Funzione Gamma Journal, www.funzionegamma.edu. (in corso di edizione).


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 Francesca Natascia Vasta, Raffaella Girelli

 

 

Creative Commons License

Se non diversamente indicato, i contenuti di questa rivista sono pubblicati sotto licenza Creative Commons Attribution 3.0.